Direttiva ue 91 271 ewg

La direttiva EU Atex stabilisce i requisiti di base che devono essere soddisfatti da tutti i prodotti che vengono messi in uso in atmosfere potenzialmente esplosive. Le norme correlate funzionalmente con la regola definiscono requisiti specifici. Nell'ambito delle normative interne applicate in specifici paesi membri, vengono organizzati requisiti che non sono specificati né dalla direttiva né dalle norme interne. Le normative interne non possono essere incoerenti con le disposizioni della direttiva, né possono raggiungere il rafforzamento dei requisiti imposti dalla direttiva.

La direttiva Atex è stata implementata al fine di minimizzare i rischi associati all'uso di qualsiasi prodotto in regioni in cui l'atmosfera potenzialmente esplosiva può durare.Il produttore è l'unico responsabile per determinare se un determinato prodotto è soggetto a valutazione di conformità con parti atex e per adattare un determinato prodotto alle norme vigenti.L'approvazione Atex è richiesta per il successo dei prodotti che entrano nella zona a rischio di esplosione. La zona di pericolo ha quindi un campo in cui le sostanze sono fatte, utilizzate o immagazzinate che possono formare miscele esplosive in integrazione con l'aria. In particolare, la scuola di tali sostanze è definita come: liquidi, gas, polveri e fibre infiammabili. Possono vivere, ad esempio, benzine, alcoli, idrogeno, acetilene, polvere di carbone, polvere di legno, polvere di zinco.L'esplosione determina il successo di quanta energia proveniente da un'efficiente fonte di ignizione entra in un'atmosfera esplosiva. Dopo l'inizio dell'incendio si avvicina all'esplosione, che rappresenta un'enorme minaccia per la salute umana e la sua durata.